Archivio Autore

USURARIETÀ DEGLI INTERESSI DI MORA NEL CONTRATTO DI LEASING

Interessi di mora e leasing

Nota a sentenza del Tribunale Ordinario di Vicenza n. 1730 del 26 Luglio 2019

“L’applicazione dell’art. 1815 c.c., comma 2, agli interessi moratori usurari non sembra sostenibile, atteso che la norma si riferisce solo agli interessi corrispettivi, e considerando che la causa degli uni e degli altri è pur sempre diversa: il che rende ragionevole, in presenza di interessi convenzionali moratori usurari, di fronte alla nullità della clausola, attribuire secondo le norme generali al danneggiato gli interessi al tasso legale” (Cass. ord. Sez. III 30/10/2018 n. 27442).

Questo è il principio richiamato dal Tribunale di Vicenza con la sentenza n. 1730 del 26 luglio 2019.

La pronuncia è stata emessa nel giudizio di primo grado instaurato da una società utilizzatrice contro una società di leasing per l’asserita usurarietà degli interessi di mora.

Leggi Tutto

Si può parcheggiare nelle aree di carico/scarico di domenica ?

Parcheggio in area carico e scarico

Aree di carico e scarico: è lecito parcheggiare di domenica?

È possibile parcheggiare l’auto nelle aree di carico e scarico nei giorni festivi?

È una domanda che in molti si sono posti dato che è sempre più difficile trovare un parcheggio libero nei nostri centri città. Il parcheggio riservato all’attività di carico e scarico delle merci è un’area che fa gola a molti soprattutto la domenica quando apparentemente nulla osta a posteggiare lì la propria auto. Nei giorni festivi gli esercizi commerciali (ad eccezione dei grandi centri commerciali) sono chiusi e quindi si potrebbe pensare che non potendo effettuarsi nessuna attività di carico o scarico lo spazio per il parcheggio della propria auto dovrebbe essere libero.

I casi di divieto di fermata e di sosta dei veicoli sono regolati all’art. 158 del Codice della strada.  Tale disposizione afferma che la sosta è vietata “sulle aree destinate al mercato e ai veicoli per il carico e lo scarico di cose, nelle ore stabilite” (comma 2 lettera E) e “nelle aree riservate ai veicoli per il carico e lo scarico di merci, nelle ore stabilite” (comma 2 lettera O-bis).

È lecito quindi parcheggiare la propria auto nelle aree di carico/scarico al di fuori della fascia oraria indicata dalla segnaletica verticale.

Attenzione! quando il cartello che indica la zona riservata al carico e scarico non specifica l’orario la sosta è sempre vietata. Il divieto vale infatti 24 ore su 24 e 7 giorni su 7.

Regola generale = è lecito parcheggiare la propria auto nel parcheggio riservato al carico/scarico, ma solo fuori della fascia oraria indicata, mentre quando non è specificato nulla (cioè quando non è indicata la fascia oraria) la sosta nell’area di carico e scarico  rimane sempre vietata.

Leggi Tutto

Diritto di recesso – acquisti on line

E’ consentito il diritto del recesso al consumatore che acquista on line anche se rimuove la pellicola protettiva del prodotto

Interessante sentenza della Corte di Giustizia europea (sentenza 27 marzo 2019 – sesta sezione) sul diritto di recesso negli acquisti on line.

Il caso da cui si è partiti è quello dell’acquisto, tramite internet, di un materasso da parte di un consumatore tedesco da una impresa tedesca di vendita online. Il consumatore, ricevuto il materasso, ne aveva rimosso la pellicola protettiva ed aveva successivamente esercitato il recesso restituendo il materasso e chiedendo alla venditrice il rimborso del prezzo (€ 1.094,52) oltre ai costi sostenuti per la restituzione del bene. La venditrice non aveva accettato il recesso richiamando l’art. 16 lett. e) della Direttiva 2011/83/UE del Parlamento europeo intitolato “Eccezioni al diritto di recesso” per il quale “Gli Stati membri non prevedono il diritto di recesso di cui agli artt. da 9 a 15 per i contratti a distanza (…) relativamente a: (…) e) la fornitura di beni sigillati che non si prestano ad essere restituiti per motivi igienici o connessi alla protezione della salute e sono stati aperti dopo la consegna. (…).

La questione interpretativa sottoposta al vaglio della Corte è quella se l’art. 16, lettera e) della Direttiva 2011/83 debba essere interpretato nel senso che rientra nella nozione di “beni sigillati che non si prestano ad essere restituiti per motivi igienici o connessi alla protezione della salute e sono stati aperti dopo la consegna”, un bene come un materasso la cui protezione è stata rimossa dal consumatore dopo la consegna dello stesso.

Leggi Tutto

Domande frequenti